Cos’è il counseling?

Esperienza, strategie e scelte

Il counseling è una professione che si occupa di relazioni e di arte della comunicazione. Nella pratica è un modo di comunicare sofisticato e chiarente sempre più apprezzato e diffuso in ambito pubblico e privato. 

E’ una professione che si occupa di interazioni umane e di processi di automiglioramento e in generale dell’attività di aiuto a persone, gruppi, organizzazioni e comunità. 

Il counseling è di grande importanza nella consulenza, ma può essere molto utile anche nella relazione tra manager e superiori, tra allenatore e atleta, nelle problematiche relative alla coppia, ai gruppi di lavoro, all’ apprendimento, al cambiamento, alla gestione dello stress, alla salute psicofisica, ai problemi dell’alimentazione. 

Il fine del counseling è quella di collaborare con il singolo per aiutarlo a chiarire disagi personali, con una coppia per affrontare problemi contingenti, con una famiglia per comunicare in modo efficace e con un gruppo per incoraggiare specifiche abilità.

A cosa serve?

Il counseling è un processo focalizzato su ‘competenze’ e su un atteggiamento fondamentale delle relazioni: la sensibilità, l’empatia e la congruenza. E’ un intervento che si avvale di competenze e abilità verbali, corporee e relazionali, per accogliere, ascoltare, sostenere e orientare le risorse della persona, al fine di renderlo capace di scelte e decisioni consapevoli e autonome.

La professionalità del counselor

Obiettivo di questo video corso è quello di acquisire una significativa esperienza personale, competenze di ascolto e di comunicazione, nonché tecniche mirate a favorire il benessere e la crescita personale nei vari campi della vita e della professione.

Il counselor non offre soluzioni, non esprime interpretazioni e non dà  giudizi. 

Anche se utilizza strategie, esercizi, tecniche di feedback e molteplici forme di intervento, parte dal presupposto che l'altro, chiunque esso sia, sia in grado di ricercare e trovare i comportamenti più adeguati alla sua situazione. 

I criteri del suo intervento sono i seguenti:

E’ chiarente. Non tocca tutti gli aspetti della realtà dell’individuo, bensì solo gli aspetti rilevanti.

E’ pragmatico. Si rivolge alle cose utili.

E’ sintetico. Riassume praticamente le connessioni più complesse.

E’ sensoriale. Spiega, attraverso i sensi e le immagini, quello che è difficile dire con le parole.

E’ progettuale. Organizza e mette in ordine i pensieri.

E’ stimolante. Non dà risposte precostituite, bensì pone domande. E quando il cliente utilizza le domande per completare e rielaborare il proprio pensiero, arrivano le risposte. 

Quando l’attenzione fluttua nel caos dei pensieri, abbiamo bisogno di sistemi per strutturarlo, osservarlo e cercare di guardare oltre. 

Nel video che segue troverai la sintesi delle tappe del colloquio di counseling.

Watch Intro Video

Video

Strumenti ed esperienze che vanno oltre le opinioni

Ecco cosa troverai in questo video corso! 


Watch Intro Video

Video

In pratica

Guarda i video, esegui gli esercizi e preparati, grazie alle tecniche di training mentale, a realizzare un comunicazione che riconosce ad ogni individuo il diritto di volare.

  • 1

    PRESENTAZIONE

    • 2 Le staminali della comunicazione

  • 2

    1 COUNSELING INTEGRATO, CORPOREO E RELAZIONALE

    • 3 Counseling corporeo-relazionale

    • 4 Un approccio corporeo-relazionale allo sviluppo psichico

    • 5 Cominciamo dall'inizio, i punti caldi

    • 6 Le conoscenze di base

    • 7 Quattro grandi scuole di pensiero

    • 8 I caratteri di A Loowen

    • 9 Personalità, io e sè

    • 10 Il concetto di istinto

    • 11 La nascita e lo sviluppo psichico

    • 12 Emozioni, affetti e consapevolezza affettiva

    • 13 Il vissuto corporeo

    • 14 Percezione e immagine corporea

    • 15 La coscienza

    • 16 I tre stati fondamentali della mente

    • 17 Identità

  • 3

    2 LA PSICOLOGIA DELLA VITA TRA NORMALITA' ED ECCESSI

    • 18 Il colloquio di counseling

    • 19 Cosa penso del counseling

    • 20 Atti tipici del counseling

    • 21 Come si valuta l’attività di un counselor

  • 4

    3 IL COLLOQUIO DI COUNSELING: DIECI TECNICHE DA TAPPETO ROSSO

    • 22 Il processo di counseling

    • 23 Il rilassamento e le sue potenzialità

    • 24 Autorivelazione

    • 25 Riflessioni sul centro interiore

    • 26 La libera espressione dei sentimenti

    • 27 Corpo, anima e curriculum

    • 28 Struttura dei fattori emotivi del cliente

    • 29 La dimensione narrativa di un problema

    • 30 Capacità di rispondere ai sentimenti negativi

    • 31 Stop alle lamentele

    • 32 Segui i fatti

    • 33 Un futuro a passo d’uomo

    • 34 Acquisire insight

    • 35 Capacità di affrontare il disaccordo

    • 36 Capacità di chiarire i rapporti

  • 5

    4 DA C. ROGERS A G. DOWNING: LE 8 FASI DI UN COLLOQUIO COI FIOCCHI

    • 37 Il colloquio di counseling, strategie comunicative

    • 38 Ragioni per non dare consigli

    • 39 Seconda fase del colloquio, ascolto attivo

    • 40 Prima fase dell’ascolto attivo, ascolto e verifica

    • 41 Isolare il disagio

    • 42 Il Rispecchiamento

    • 43 Fare le domande giuste

    • 44 Tecniche della domanda

    • 45 Guardare in faccia la realtà

    • 46 Tecniche della risposta

    • 47 Seconda fase dell'ascolto attivo

    • 48 Tecniche di esplorazione dei 5 livelli

    • 49 Terza fase, definizione di uno scopo

    • 50 Facilitazione dello scopo

    • 51 Individuare il valore fondamentale

    • 52 Definizione dello scopo

    • 53 Ascoltare per imparare

    • 54 Quarta fase, amplificazione dello scopo

    • 55 Quinta fase, il piano di azione

    • 56 Sesta fase. amplificazione del primo passo

    • 57 Settima fase, definizione di un accordo

    • 58 Ottava fase, chiusura del colloquio